Il prototipo è costruito intorno al telaio della Cinderella's Pumpkin, ma viene totalmente modificato il progetto del primo prototipo per renderla più stabile, più competitiva e rispondente alle richieste del regolamento. 

LA STRUTTURA
È costituita da un telaio in tubolari di alluminio.
La struttura è stata interamente costruita in alluminio per le sue caratteristiche di leggerezza, robustezza. I tubolari sono stati tra loro saldati al TIG.
Tre sono le ruote su cui poggia il telaio, due anteriori e una posteriore.
Senza pilota l’intera struttura pesa
circa 45 kg.

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

IL SISTEMA DI STERZATA

A seguito della variazione del regolamento, la modifica principale effettuata quest’anno è stato rendere il sistema di sterzata da posteriore e anteriore, che ha permesso di rendere il veicolo più stabile, garantendo al pilota una maggiore sicurezza e un maggiore controllo sul prototipo. È costituito da un porta-mozzo in alluminio sagomato a C al quale è collegato il leveraggio che costituisce il sistema sterzante e un giunto di collegamento. La posizione e l'inclinazione del porta-mozzo (angolo di Kingpin, di Caster e Avancorsa) seguono la teoria di Ackermann che permette alle ruote in curva, di mantenere la condizione di rotolamento senza strisciamento.

PROPULSIONE
Il prototipo monta il motore commerciale 35cc 4 tempi, modificato ad hoc inserendo un sistema di iniezione indiretta del combustibile in camera di combustione e con accensione elettronica.
L’elettronica è affidata ad una centralina che controlla anche il sistema di accelerazione e l’attivazione dei numerosi sistemi di sicurezza presenti sul veicolo.
La trasmissione è a catena ed è innescata da una frizione centrifuga.

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

LA CARROZZERIA
La scocca è interamente realizzata in fibra di carbonio, materiale utilizzato anche in Formula uno per le sua grande leggerezza e allo stesso tempo resistenza.
La carrozzeria è stata interamente realizzata dagli studenti. Il team di quest’anno ha lavorato su una scocca costruita nel corso del primo anno, modificandola in molti punti, rendendola adatta a essere utilizzata sul prototipo di quest’anno. I componenti completamente nuovi sono i pararuote, riprogettati per adeguarsi al nuovo sistema di sterzata. 
Sono stati realizzati dapprima degli stampi in gesso e polistirolo, su cui è stato poi modellata la fibra di carbonio fino a ottenere una struttura rigida della forma desiderata.